Le storie degli italiani di Londra diventano musica, all’Istituto Italiano di Cultura.

Il prossimo 25 maggio, alle ore 19.00, le storie di Italian Kingdom diventano realtà. Le porte dell’Istituto Italiano di Cultura di Londra si aprono alla creatività giovanile e alla sperimentazione per un evento unico del quale si sentirà parlare per molto ancora. Chi ama la musica, la tecnologia e il mondo delle startup non può perdere l’occasione di partecipare ad una serata che oltre a presentare il libro “Italian Kingdom: Volume I”, vedrà anche il cuore culturale italiano a Londra letteralmente “suonare” grazie alla collaborazione con Mogees.
Trenta sono le storie di italiani a Londra racchiuse nel primo libro di Italian Kingdom. Una selezione delle centinaia di voci raccontate in questo primo anno e che trovano spazio nelle 120 pagine del volume insieme al racconto originale di Silvia Favasuli, expat e giornalista de L’Inkiesta, e alla prefazione di Barbara Serra, una delle giornaliste italiane più note al mondo.
Il dibattito di presentazione, moderato da Eleonora Ossola, International Sales Manager a Scholastic UK e direttore di Italian Kingdom Radio, e alla presenza del direttore dell’Istituto Italiano di Cultura, Marco Delogu, vedrà la partecipazione di Stefano Broli, direttore di Italian Kingdom, di Silvia Favasuli, autrice del racconto e di Jacopo Guedado Mele, digital life coach, ambassador di Italian Kingdom ed eletto recentemente uno dei trenta Under 30 di Forbes.
Anello di congiunzione con la seconda parte dell’evento sarà la presenza di Bruno Zamborlin, founder di Mogees, l’inventore dell’omonimo strumento che permette di trasformare qualsiasi oggetto in pura musica e che ha già conquistato i palcoscenici di tutto il mondo. Personaggi come Jordan Rudess dei Dream Theater, Rodrigo Sanchez del duo Rodrigo y Gabriela, Paula Temple e Tupac Martir tra i nomi che hanno utilizzato la tecnologia del Mogees nei loro concerti in giro per il mondo.

Cos’ è il Mogees?

Al termine del dibattito, il talento del magnifico pianista della Costa Concordia e ora del Victoria and Albert Museum, Antimo Magnotta, incontrerà la tecnologica di Mogees in una performance senza precedenti: pura improvvisazione musicale che farà dialogare tra loro il pianoforte con le pareti, i pavimenti e gli oggetti dell’Istituto di Cultura di Londra.

Prenotazione gratuita a questo link

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*